Menu

"Previsioni del tempo". Tempo indaga con Ipsos sulle abitudini degli italiani

Smartphone, internet e tv: gli italiani consultano il meteo sempre più spesso e in tempo reale, anche se solo 21% considera le previsioni molto affidabili.

Milano, 29 Gennaio 2013 Il 63% degli italiani consulta le previsioni del tempo almeno una volta al giorno e di questi il 26% anche più volte, soprattutto tra gli smartphone users. Ad affermarlo è Tempo, brand del gruppo internazionale Essity, attraverso una ricerca affidata a Ipsos su un campione rappresentativo degli italiani.

Italiani meteo-maniaci, dunque? Risposta affermativa, anche grazie all’utilizzo sempre più diffuso di internet.

Internet, smartphone e tablet: i nuovi fan del meteo si affidano alla rete!

Il fenomeno è cresciuto di pari passo con la tecnologia. È infatti lo smartphone a inchiodare circa l’84% dei maggiori appassionati al tema, per la consultazione delle previsioni in tempo reale, con – in alcuni casi – conseguente cambio di programmi e umori (soprattutto delle donne).

Che si utilizzi un computer, uno smartphone o la più tradizionale Tv, ciò che è certo è che oggi le previsioni del tempo si consultano di più rispetto al passato (64% contro un 27% di coloro che le consultano né più né meno di un tempo) e, anche coloro che preferirebbero non sapere che tempo farà domani (26%), cedono poi alla tentazione di consultare almeno uno degli strumenti oggi disponibili. Ciononostante, solo il 21% ritiene le previsioni del tempo molto affidabili contro un 17% che ritiene lo siano poco o per nulla.

La tv, che nel complesso rimane il mezzo di consultazione e informazione più utilizzato (65% VS 28% di internet e smartphone ed in assoluto il canale preferito per il 32% dei 65enni e oltre), supera di gran lunga giornali e radio che, con il 2%, raccolgono le minor preferenze tra gli intervistati nell’ambito dell’indagine realizzata da Tempo.

Falsi miti: la Meteoropatia è solo frutto di un condizionamento, oppure no?

L’indagine Tempo sfata, in parte, anche un falso mito: perché se ben il 56% crede che la la meteoropatia non sia una malattia, ma semplicemente ci si convinca che il clima sia in grado di influenzare il nostro umoreil 44% teme che sia vero.

A conferma del dato, il 62% ha dichiarato che le condizioni climatiche condizionano poco o per nulla l’umore o i rapporti con le altre persone contro un  38% che viene invece condizionato molto o abbastanza.

Di contro, va detto che a fronte di un 49% degli uomini che dichiara che il proprio umore non subisce alcun tipo di condizionamento dettato dal clima, esiste un 65% delle donne che ha ammesso di essere un soggetto ‘meteosensibile’.

L’Amore vince su nasi rossi e piedi freddi, specie se si tratta del primo appuntamento!

Ma se in alcuni casi il potere del tempo ha la meglio su di noi e sull’organizzazione delle nostre giornate, la sfera amorosa è l’unica a non risentirne, specie se si tratta del primo appuntamento. Solo 1 su 100 infatti, dichiara una certa sensibilità al tema; per il restante 99%, invece, le emozioni che si accompagnano alla prima uscita valgono più di pioggia, freddo e nasi rossi!

L’inverno la stagione meno amata, ma non si smette di sognare.

A fronte di una primavera che stravince nelle preferenze degli italiani (56%) l’inverno, amato solo dal 4% del campione, porta con sé i classici disagi, accompagnati però da momenti irrinunciabili.

Anche ora che l’inverno si fa sentire con le sue conseguenze negative - individuate, nell’ambito della ricerca Tempo, da piedi e mani freddi e nasi sgocciolanti per più della metà degli italiani, al punto che le vendite dei fazzoletti hanno in questo periodo un’impennata del 20%, come dichiarato da Ornella Mirra direttore Marketing di Tempo - il 39% non rinuncerebbe mai a un caminetto acceso o a consolarsi con la magia della neve che scende (30%), quella vera o a quella finta della Boule de Neige (l’oggetto magico più collezionato del mondo che farà il suo debutto a Venezia l’8 febbraio in occasione del Carnevale in una versione maxi offerta da Tempo in cui tutti potranno diventare protagonisti del sogno romantico); con il calore del piumone (19%) e, soprattutto le donne, con una tazza di tè bollente o una divertente e romantica patinata sul ghiaccio (il 70% di coloro che associano l’inverno ad una pattinata sul ghiaccio è costituito da donne).

Che bella cosa na jurnata 'e sole! …Soprattutto quando si va  a fare shopping (45%).

Ma quali sono le situazioni che, più di tutte, ci fanno tirare un sospiro di sollievo davanti ad una giornata di sole? Andare a fare shopping, in primis, con un 45% di preferenze. Andare per vetrine nelle giornate fredde e piovose, con tanto di ombrello al seguito, è demoralizzante per quasi il 50% del campione. Segue l’uscita con gli amici, per il 32%.

Ovviamente però, il sole è ben gradito anche da un 30% degli intervistati nell’ambito dell’indagine Tempo quando si reca a lavoro, un dato che, seppur di poco, supera il momento dello sport (24%). Solo un 10% del campione intervistato ha dichiarato di non essere minimamente condizionato dal tempo nell’organizzazione e pianificazione delle proprie giornate.

Accedi

Accedi

Accesso non riuscito

Compila tutti i campi riportati di seguito:

  1. Campo obbligatorio
  2. Campo obbligatorio
Se hai dimenticato la password, fai clic qui
Hai dimenticato la password?

Hai dimenticato la password?

Non preoccuparti! Indica il tuo nome utente o il tuo indirizzo e-mail e ti invieremo l'informazione richiesta.

  1. Campo obbligatorio
Hai dimenticato la password?

Hai dimenticato la password?

Ti abbiamo inviato un collegamento per reimpostare la password

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

Immetti qui il tuo indirizzo email per ricevere la newsletter

  1. Campo obbligatorio
Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter