Menu

Pelle secca con i primi freddi

I trattamenti da fare a casa

Un problema fastidioso e sgradevole esteticamente che si presenta proprio in queste prima settimane, in cui la temperatura inizia ad essere più rigida è la pelle più secca e disidratata. Il miglior modo per evitarlo è scegliere la via naturale con alcuni trattamenti facili e che aiutano ad idratare la tua pelle.  

Bevi grandi quantità di acqua. Questo punto è davvero semplicissimo, ma spesso sottovalutato. La pelle ha bisogno di acqua per rimanere morbida e liscia. 

Spesso detergere troppo la pelle non è necessario e può davvero seccarla.

Evitare bagni lunghi, in particolar modo con acqua troppo calda, la quale secca estremamente la pelle. Una doccia veloce è la scelta migliore, sia per la tua pelle che per l’ambiente.

Se invece è la pelle del viso che è eccessivamente secca, per una detersione ottimale, mescolare in parti uguali yogurt e farina d’avena cotta, con del succo di cetriolo. Lo yogurt e l’avena aiutano ad idratare ed ammorbidire, mentre il succo di cetriolo chiude i pori.

Per la pelle del viso particolarmente secca, il miglior trattamento è probabilmente il più semplice ed il meno costoso che ci sia: il miele.

Applicare il miele sul viso come una maschera, lasciare asciugare per 30 minuti, poi risciacquare. Il viso risulterà fresco, pulito e sano.

Fonte

 Naturalmentemamma


Accedi

Accedi

Accesso non riuscito

Compila tutti i campi riportati di seguito:

  1. Campo obbligatorio
  2. Campo obbligatorio
Se hai dimenticato la password, fai clic qui
Hai dimenticato la password?

Hai dimenticato la password?

Non preoccuparti! Indica il tuo nome utente o il tuo indirizzo e-mail e ti invieremo l'informazione richiesta.

  1. Campo obbligatorio
Hai dimenticato la password?

Hai dimenticato la password?

Ti abbiamo inviato un collegamento per reimpostare la password

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

Immetti qui il tuo indirizzo email per ricevere la newsletter

  1. Campo obbligatorio
Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter